nari s.f.pl. [anat.]; [fisiogn.]

nare I.VII.20; nari I.VII.22, 24; I.IX.1; I.XXV.61; II.XXX.3, 6; II.L.8; III.VIII.42; III.XV.26; IV.XXVIII.20; gl. XXVI.1-2.

‘narici (riferito agli uomini e agli animali)’.

[anat.]
«E ’l grosso [pannicolo] s’accosta et aerge al craneo, il quale ancora al cerebro è molto presso e in due luogora è forato di molti forami, de’ quali l’uno è presso del forame ove le nare al craneo si congiungono presso all’osso, il quale è kiamato colatoio» (I.VII.18-21); «E per lo primaio osso, ke ssi congiugne a l’extremità di sopra de le nari del naso, le superfluità de’ ventricoli dinanzi discendono a le nari del naso» (I.VII.22-24); «De la figura de le nari del naso. I forami del naso, andando in su, in due parti si dividono» (I.IX.1-2); «E se consideri la figura de le nari del naso, imperciò ke s’elle sieno grandi e corte avranno in sé fistola» (I.XXV.61-63); «Le nari e li orecchi sono freddi e secchi di lor natura» (III.VIII.42); «prendete sugho di porri, e mischiate con olio rosato e con aceto e con um-poco d’incenso, e mettetelo ne le nari del naso» (III.XV.25-26); «e al bagnare dee le nari e li orecchi purgare» (IV.XXVIII.20); «Lo cancro sì è fatto p(er) alcuno tempo ne le nari del naso» (gl. XXVI.1-2).

[fisiogn.]
«E le cui nari son grandi e grosse è huomo di picolo savere» (II.XXX.3-4); «E le cui nari sono late è luxurioso» (II.XXX.6); «le nari diricte e molto belle e iguali in grandezza» (II.L.8).

Lat. nares (Gh a6r et passim)
Sin. narici, nariglie

In altri testi
L’oscillazione nare / nari  è presente in tutti i testi antichi. Come si rileva dal  Corpus OVI (u.c. 17.4.2015), la prima attestazione è in Brunetto Latini, Rettorica, c. 1260-61 (fior.). Per i secc. XIII-XIV, il termine si trova in testi di argomenti vari, in particolare nei seguenti testi scientifici o filosofici: Fiori di filosafi, 1271/75 (fior.); Trattati di Albertano volg., a. 1287-88 (pis.); Antidotarium Nicolai volg., XIII ex. (fior.); Tesoro volg., XIII ex. (fior.); Zucchero, Santà, 1310 (fior.); Fisiognomia, c. 1320 (tosc.); Quatro partite del corpo, 1310 (fior.); Virtù del ramerino (ed. Bénéteau), 1310 (fior.); Palladio volg., XIV pm. (tosc.); Bestiario Tesoro volg., XIV pm. (sen.); Libro de conservar sanitate, XIV sq. (venez.); Ricette di Ruberto Bernardi, 1364 (fior.); Libro di Sidrach, a. 1383 (fior.); Serapiom volg., p. 1390 (padov.); Maestro Bartolomeo, Chirurgia di Ruggero da Parma volg., XIV (tosc.); Piero de’ Crescenzi volg. (ed. Sorio), XIV (fior.);  Thes. pauper. volg. (ed. Rapisarda), XIV (sic.); Mascalcia L. Rusio volg., XIV ex. (sab.).
In testi scientifici successivi al XIV sec., il termine si trova in M. Savonarola, XV sec. (Nystedt 1988: p. 247) e nell’anatomia di Mondino de’ Liuzzi (D’Anzi 2012: cap. 2.20 et passim). Si segnala, inoltre, il notevole anari in Leonardo da Vinci (Piro 2015, s.v.).

Rosa Piro 17.04.2015