occhio del ginocchio polir. [anat.]

occhio del ginocchio I.II.136-137.

‘rotula’.

«E a la iunctura ch’è nel ginocchio è sopraposto uno osso ritondo kartilaginoso, cioè di tenerume, il quale è kiamato occhio del ginocchio e da alcuno è kiamato molla» (I.II.135-137).

Lat. «Iuncture autem que in genu est supponnitur os rotunum cartilaginosum quod genu nominatur oculus et a quibusdam vocatur mola» (Gh a3r).
Sin. mola (1)

In altri testi
L’espressione compare in Guglielmo da Saliceto, 1474 (Altieri Biagi 1998: p. 90).

Commento
L’espressione, che si registra per la prima volta nell’Almansore, è una metafora generatasi nel mondo medico arabo (Altieri Biagi 1998: p. 90).

Rosa Piro 5.04.2015